Dal 1920 al 1933 negli Stati Uniti venne vietata la vendita di alcolici, questo periodo è il cosiddetto Proibizionismo. Nacquero così numerosi bar clandestini chiamati “speakeasy”, cioè “parla piano”, per il rischio di essere scoperti e arrestati!
L’alcol di contrabbando in questi bar illegali era solitamente di pessima qualità, spesso prodotto in casa. Per questo motivo la miscelazione era molto importante per rendere migliore il sapore del drink. Fu proprio in questo periodo che i cocktail divennero popolari!
 
In memoria di questi tempi passati oggi vi proponiamo 3 drink amati in tutto il mondo, avvolti da leggende e tradizioni, il Bloody Mary, il Moscow Mule e il Kentucky Mule
Quindi, bicchieri e ghiaccio a portata di mano e prepariamo insieme questi freschi e gustosi drink!

 

Bloody Mary 

Il Bloody Mary è un cocktail composto da vodka, succo di pomodoro e una combinazione di spezie ed altri ingredienti, tra cui, pepe, tabasco, salsa Worcester e succo di limone.
Il nome pare si ispiri alla Regina Elisabetta I, detta la Sanguinaria, poiché amava far decapitare le teste dei Protestanti. Il rosso del succo di pomodoro del Bloody Mary, richiama infatti quello del sangue. 

 

Ingredienti

  • 45 ml di vodka
  • 90 ml di succo di pomodoro
  • 15 ml di succo di limone fresco
  • 2 gocce di salsa Worcestershire
  • Tabasco, sale di sedano, pepe (a piacere)

 

Decorazione

Sedano, spicchio di limone (opzionale)

La ricetta può essere realizzata mettendo tutti gli ingredienti direttamente in un bicchiere con ghiaccio, oppure shakerando tutti gli ingredienti e versandoli dopo opportuna filtrazione in un bicchiere con del ghiaccio cristallino.

 

Moscow Mule

Si racconta che questo drink sia stato creato nel 1941 a Los Angeles, in California, da John G. Martin, mentre cercava un modo per pubblicizzare la Smirnoff, la sua azienda di vodka, e da Jack Morgan, gestore di uno dei locali più celebri di Hollywood, che stava provando a rendere popolare la sua linea di Ginger Beer. La leggenda narra che, a entrambi venne l’idea di combinare i due ingredienti per dare vita a un nuovo cocktail “che scalciasse in gola come un mulo”.
Entrarono nella storia anche come i creatori del primo drink servito in tazza di rame! Il Moscow Mule deve la sua fama, infatti, anche al particolare bicchiere di rame in cui è servito. Questo perché il rame è un ottimo conduttore, per cui la tazza si raffredda velocemente; inoltre, l’interazione tra il rame e il lime dà al cocktail un particolare retrogusto.

 

Ingredienti

  • 45 ml di vodka
  • 120 ml di ginger Beer 
  • 5 ml di succo di lime fresco 

 

Decorazione

1 fetta di lime o di cetriolo

 

Kentucky Mule

Il Moscow Mule è sicuramente il cocktail più conosciuto nel suo genere, ma il mule stesso è in realtà una categoria di drink caratterizzata dall'utilizzo della ginger beer, come nel caso del Kentucky Mule.
Il Kentucky Mule, conosciuto anche con il nome di Bourbon Mule, è un cocktail particolarmente rinfrescante ottenuto dalla miscelazione di Bourbon, Ginger Beer e succo fresco di lime che lo rendono particolarmente aromatico e saporito. 
Rispetto al classico Moscow Mule, il Kentucky Mule Cocktail utilizza il whiskey Bourbon al posto della vodka, regalando un sapore più intenso e deciso alla miscela.
 

 

Ingredienti

  • 60 ml di bourbon
  • 45 ml di succo di lime
  • q.b. di Ginger Beer 

 

Decorazione

Qualche fogliolina di menta.

 

Da Raró e su raroshop.it realizzare il vostro cocktail preferito è semplicissimo, grazie ai nostri pratici Kit per un Cin ovunque vogliate!
Scritto da Raro Shop

Altre storie

Hampden Estate: la storia di una delle migliori distillerie al mondo

credits: rumconnection.com   Hampden Estate è una distilleria nella contea di Trelawny, fondata nel 1753, ed è tra le più antiche della Giamaica, n...

Assuntina di Capri, Liquori e Infusi Naturali

Abbiamo intervistato Assunta, dell’Azienda Assuntina di Capri, che da oltre 25 anni con dedizione e amore, realizza Liquori Naturali e Infusi, util...